VINO, ICQRF: utilizzo della CO2, in cantina promiscua, per l'elaborazione di prodotti aromatizzati

Vitivinicolo
14 settembre 2017

Di seguito una nota dell'ICQRF che rettifica parzialmente la precedente nota del 15.06.2017, anch'essa allegata, e che ha ad oggetto l'uso della CO2, in cantina promiscua, per l'elaborazione di prodotti aromatizzati.

Infatti nella precedente nota di chiarimento, al nostro quesito in merito all'oggetto era stato risposto con il divieto della contestuale produzione e detenzione di vini frizzanti e/o spumanti gassificati negli stessi stabilimenti presso i quali vengono prodotti vini frizzanti e vini spumanti c.d. "naturali". A seguito di osservazioni pervenute all'Ispettorato, questo ha parzialmente ritrattato la propria precedente interpretazione, affermando che e' consentita la possibilità di operare l'aggiunta di anidride carbonica (gassificazione) ai prodotti vitivinicoli aromatizzati anche negli stabilimenti presso i quali vengono prodotti i vini frizzanti e/o spumanti per i quali e' imposto il requisito della provenienza dalla sola fermentazione dell'anidride carbonica in essi contenuta.





  Categoria:
Vitivinicolo