Piano di emergenza contenimento Xylella Fastidiosa in Puglia

Olivicolo
15 febbraio 2019

Piano di emergenza contenimento Xylella Fastidiosa in Puglia

Il giorno 11 febbraio 2019 e' stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Delibera 69/2018 e relativo allegato che sancisce i termini del Piano di emergenza per il contenimento di Xylella Fastidiosa.

 http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2019-02-11&atto.codiceRedazionale=19A00879&elenco30giorni=false

In sintesi, la delibera prevede una dotazione finanziaria di 30 milioni di euro che sarà utilizzata per le seguenti specifiche attività:

  • Ricerca e sperimentazione (3mil euro)
  • Ripristino della potenzialità produttiva (15mil euro)
  • Prevenzione della diffusione della Xylella e contrasto al vettore (4mil euro)
  • Rilancio dell'economia nelle aree danneggiate (5mil euro)
  • Comunicazione (1mil euro)
  • Investimenti e supporto di attività ispettive, monitoraggio e diagnostica (1mil euro), potenziamento del servizio fitosanitario (1mil euro)

Il piano, invece, si compone di quattro gruppi di azioni:

Ripristino della potenzialità produttiva: 

Azione che si realizza sia attraverso la rimozione delle piante disseccate da Xylella nella zona infetta, sia attraverso una serie di interventi volti al reimpianto e alla riconversione. Il reimpianto con cultivar resistenti va sostenuto tramite finanziamenti all'espianto e ad investimenti produttivi in azienda. Il Piano mira ad introdurre una misura ad hoc, particolarmente importante per la salvaguardia degli ulivi monumentali indenni, che preveda il sostegno finanziario di tale pratica per questa tipologia di piante, per il loro valore storico-culturale e paesaggistico. Il Sottopiano intende anche incoraggiare la riconversione verso altre colture, in passato già presenti, quali mandorlo e ciliegio, sia con una misura di sostegno agli investimenti, sia con una deroga al divieto di impianto, sulla base dei risultati ottenuti dalla ricerca in tema di "resistenza". Si prevede anche una misura di finanziamento specifica per le aziende vivaistiche ricadenti in area delimitata con due finalità: a) sostenere l'adeguamento strutturale per i controlli sanitari richiesti ai vivai; b) agevolare il loro trasferimento in aree indenni.

Si prevede di attuare forme di ricomposizione fondiaria attraverso la creazione di forme meno gravose (in termini di oneri finanziari e procedurali), in particolare attraverso le Associazioni Fondiarie (esempi incoraggianti in altre regioni italiane).

Funzionali al ripristino della potenzialità produttiva anche le misure specifiche quali trattamento, distruzione e successiva rimozione di piante, prodotti vegetali e altri oggetti, nonche' pulizia e disinfezione locali, terreno, acqua, suolo e substrati di coltivazione, impianti, macchinari e attrezzature e su qualsiasi oggetto che possa essere veicolo di diffusione.

Rilancio della filiera e del sistema agricolo nelle aree interessate da Xylella

Si prevede di realizzare misure specifiche per il rilancio della filiera olivicola nel suo complesso, dei legami intersettoriali di questa filiera con il territorio e il paesaggio. Da affrontare anche una serie di problematiche tipiche del mercato dell'olio, con territori ancora troppo legati alla produzione di olio lampante e quindi con la necessità di migliorare la qualità della produzione. Ciò potrà avvenire attraverso iniziative che interessino l'incremento delle produzioni DOP, il potenziamento delle Organizzazione di Produttori e forme più avanzate di cooperazione orizzontale e verticale lungo la filiera, in modo particolare attraverso il sostegno all'ammodernamento degli impianti di molitura. Va salvaguardata anche l'immagine "turistica" del territorio attraverso misure di sostegno agli investimenti per la diversificazione. Appare necessario incentivare forme di recupero dei terreni (con impianti olivicoli o altre colture) a vari scopi. Iniziative associate di piccoli proprietari, forme di recupero di terreni da parte di giovani per attività culturali e ricreative, uso collettivo di terrei pubblici, ecc, potranno essere al centro di una misura per il recupero/miglioramento del paesaggio promosse da azioni collettive e partnership locali (potranno essere sostenuti anche i contratti di distretto).

Azioni orizzontali

Sono le azioni legate alla Comunicazione, che accompagneranno l'attuazione del piano e che andranno condivise a tutti i livelli. Inoltre, i gravissimi danni economici potenziali o già subiti dal comparto olivicolo e vivaistico, nonche' il rilancio di nuove attività agricole, così come la necessità di ricostituire il paesaggio nelle aree infette, impongono di ridefinire le priorita"' ed avviare nuovi programmi di ricerca specifici.

Potenziamento del monitoraggio e rete di laboratori

Il Piano prevede il potenziamento del monitoraggio coinvolgendo tutti i soggetti pubblici e privati ed integrando i diversi sistemi (in situ e da remoto). Prevede, altresì, un programma di ispezioni e campionamento sia in zone demarcate che in zone indenni.

Oltre all'attività di monitoraggio, diagnosi e prevenzione, sarà potenziata anche la rete di laboratori di analisi certificati sul territorio nazionale, in attuazione dei Reg. UE 2016/2031 e 2017/625, relativi al riordino del regime fitosanitario, che prevedono l'istituzione di laboratori nazionali ufficiali per gli organismi nocivi da quarantena, nonche' la predisposizione di specifiche stazioni di quarantena.




  Categoria:
Olivicolo

Ultime notizie

vedi tutti gli articoli